Il Palato immaginario

Dal cibo al design
Il progetto considera le analogie di metodo tra l’ideazione di un piatto e il design di oggetti o la composizione di immagini strutturate. Mettere insieme ingredienti, consistenze, texture, temperature, forme e colori, bilanciare contrasti, equilibri e sorprese, evocare ed emozionare: il lavoro dello chef si può con un’ottima approssimazione sovrapporre a quello del designer.
In fondo cambiano i materiali ma regole e idee restano invariate.

 

Il Palato immaginario nasce da un’idea di Marialuisa Firpo e Gabriella Grizzuti e da una serie di “conversazioni gastronomiche” al Veritas Restaurant con Stefano Giancotti e il suo staff.

 

ideazione
Marialuisa Firpo
Gabriella Grizzuti
allestimento
Carla Celestino
traduzioni gastronomiche di
Carla Celestino
Valter Luca de Bartolomeis
Sandra Dipinto
Marialuisa Firpo
Domenico Gioia
Gabriella Grizzuti
Salvatore Matrone
Luciano Romano
Nicoletta Rondinella
guest
Paolo Altieri
Gianfranco di Vito
Raffaela Mariniello
menu originale di
Veritas Restaurant

 

in occasione di
DESIGN PER
AIAP – Associazione Italiana per la comunicazione visiva
Settimana internazionale della grafica
Napoli – ottobre 2009